Leonardo Sciascia – L’affaire Moro

6 settembre 2009

Sciascia L., L’affaire Moro, Sellerio, 2009

affaire_moroL’affaire Moro è un testo sorprendente di raro spessore umano e culturale. Un’opera di Leonardo Sciascia, non “letteraria”, ma “di verità”. Una verità purtroppo, controversa e tuttora dibattuta.

Il libro si apre con una dotta ed interessante introduzione: Cita l’“articolo delle lucciole” di Pasolini, che illustra il contesto di quegli ultimi anni ’70. Poi il genio di Borges – e il suo racconto “Pierre Menard autore del “Chisciotte” – che si pone come un’avvertenza di metodo: rileggere i documenti con il senno di poi.

E’ una premessa necessaria, per affrontare un’attenta lettura delle lettere di Moro scritte durante i giorni della prigionia.
Inizia così un’analisi appassionata, che se da un lato ha il rigore di un indagine, dall’altro non prescinde la pietà verso il dramma. E, soprattutto, è un’analisi molto convincente: Sciascia espolora il significato delle parole di Moro, illustra il contesto, legge tra le righe, fa emergere talvolta anche quanto non esplicitamente riferito.

La chiave di lettura è chiara: ogni tentativo di lucida e razionale mediazione proposto da Moro si andava infrangendo contro una ferrea e inflessibile “ragion di Stato” che non accettava alcun compromesso.

Leggi il seguito di questo post »

Annunci

AA. VV. – Sequestro di Verità

12 settembre 2008

  AA. VV., Sequestro di Verità, Edizioni Kaos, 2007

Scrivere un post su un tema così controverso e complesso non è assolutamente semplice. Tuttavia non ne ho potuto fare a meno, fortemente convinto che ci sia ancora qualcuno con la pazienza, la voglia e l’onestà intellettuale di affrontare temi di questo genere con disinteressato spirito critico, lontani da mistificazioni o fumose dietrologie.

Sequestro di verità è un libro sconvolgente. Con minuziosa e puntuale metodicità il testo affronta le numerose ombre che gravano sul caso Moro, anche là dove tutto sembra chiaro.

L’attenta e documentata analisi di Sergio Flamigni, a cui va tutta la mia stima, già membro della Commissione d’inchiesta parlamentare sul caso Moro e autore del best-seller “La tela del Ragno”, evidenzia come tutta l’operazione si è svolta in un contesto stranamente costellato da personaggi afferenti la sfera del servizio segreti di stato (sisde), la loggia massonica P2 o comunque ambienti con influenze filoatlantiche.

Leggi il seguito di questo post »