Alessandro Baricco – L’Iliade di Omero

Baricco A., L’Iliade di Omero, Feltrinelli 2006

“Oh, se per sempre svanisse l’ira dal cuore degli uomini, lei che è capace di far impazzire anche i più saggi, scivolando nel loro animo con la dolcezza del miele e montando poi come fumo nella loro mente…”

Alessandro Baricco rielabora il famoso testo di Omero, poggiando sulla brillante traduzione di Maria Grazia Ciani e adattando il poema ad una rappresentazione teatrale. Il testo è reso attuale nella forma e snellito, omettendo principalmente i riferimenti alle divinità. Scopriamo così un’opera moderna e accattivante, ancora oggi viva ed attuale.

Riscoprire le tinte epiche ed assolute dell’Iliade di Omero lascia la vaga sensazione che tutto quello che è stato scritto successivamente, sia in qualche modo superfluo. La passione, il coraggio, l’amicizia, l’amore, la rabbia, l’invidia, l’odio, l’orgoglio, l’onore, la compassione…nel celebre poema trovano spazio tutti gli ideali, i valori e le debolezze dell’uomo da millenni immutati, che guidano verso un destino feroce, travolgente, lasciando sul campo vincitori e vinti.

Continua a leggere “Alessandro Baricco – L’Iliade di Omero”

Annunci

Hermann Hesse – Il gioco delle perle di vetro

Hesse H., Il Gioco delle Perle di Vetro, Mondadori

Il Gioco delle Perle di Vetro è un romanzo difficile. Tuttavia è tra quelli che maggiormente hanno contribuito al conferimento del premio Nobel, nel 1946, all’autore Hermann Hesse.

In un futuro immaginario, idealmente consecutivo al medioevo surreale di “Narciso e Boccadoro” ed al presente tormentato del “Lupo della Steppa”, la società si avvale di una casta di monaci illuminati, intellettuali e studiosi. Il romanzo ripercorre la parabola della vita di Josef Knecht, Magister Ludi, maestro nel gioco delle perle di vetro.

Ma in cosa consiste il gioco delle perle di vetro?

Continua a leggere “Hermann Hesse – Il gioco delle perle di vetro”

Cos’è l’arte?

“Qual è il significato dell’Arte?”

“Il superamento della caducità”

 

In Narciso e Boccadoro, le parole di Hermann Hesse sembrano illuminarci verso una risposta definitiva e, seppur ampia, decisamente accettabile e condivisibile.

Personalmente ritengo che l’arte sia “il risultato di capacità tecnica, creatività e riflessione, in grado di comunicare ed emozionare”…ma quanti sono d’accordo?

Continua a leggere “Cos’è l’arte?”

Georges Simenon – Tre camere a Manhattan

 Simenon G., Tre camere a Manhattan, Adelphi, 1998

tre_camere.jpg

Che strano. Geroges Simenon, prolifico scrittore noto a tutti per le avventure del commissario Maigret, non mi ha mai entusiasmato. Eppure in Tre Camere a Manhattan mostra un volto nuovo, insolito, profondamente introspettivo, probabilmente parzialmente autobiografico. Un grande talento.

Nel romanzo c’è l’America del jazz, ancora giovane frontiera dell’Europa e nuova speranza per chi fugge da qualcosa o verso qualcosa. Ma soprattutto ritroviamo l’America di Edward Hopper: 

Nightwalk

Eccoli lì, sembra quasi di vederli François e Kay nella fredda luce dei bar notturni!

Continua a leggere “Georges Simenon – Tre camere a Manhattan”

Hermann Hesse – Narciso e Boccadoro

Hesse H., Narciso e Boccadoro, Mondadori

narciso_boccadoro.jpg

Narciso e Boccadoro è un capolavoro assoluto, attraverso il quale Hermann Hesse raggiunge un impareggiabile speculazione filosofica, racchiudendola in un opera comunque fruibile e di ampio respiro.

In un medioevo ideale senza tempo, il romanzo racconta la vicenda di due giovani amici, le cui strade si incrociano e si allontano per poi ritrovarsi di nuovo. Narciso, diligente studioso, da bravo monaco, dedicherà la sua vita con impegno allo studio e all’ascesi cercando la via attraverso la conoscenza e la contemplazione. Boccadoro, dilaniato da vibranti impulsi, vivrà la sua vita da artista vagabondo, attraverso fugaci incontri di luoghi e persone, segni indelebili nella sua memoria in un tormentato rapporto con l’arte.

Continua a leggere “Hermann Hesse – Narciso e Boccadoro”

Giorgio Bassani – Il giardino dei Finzi Contini

Bassani G., Il Giardino dei Finzi-Contini, Mondadori 

finzicontini.jpg

Il giardino del Finzi Contini celebre romanzo di Giorgio Bassani, ci racconta l’ultimo approdo felice della giovinezza, prima di affrontare un salto definitivo, disilluso e senza ritorno, in un esistenza sofferta e segnata da languidi sospiri: ricordi del passato che non ci abbandonano mai…

La narrazione è discreta e garbata, l’atmosfera delicata e rarefatta. La storia si lascia sorseggiare lentamente, assaporando così il suono di ogni singola parola, che descrive con meticolosità ogni piccolo gesto. Affiora così il piacere di un linguaggio curato, con un lessico ricco, ormai quasi desueto, che conserva il fascino e l’eleganza di altri tempi.

Continua a leggere “Giorgio Bassani – Il giardino dei Finzi Contini”

Italo Calvino – Il barone rampante

Calvino I., Il Barone Rampante, Mondadori 

barone_rampante.jpg

Non poteva mancare all’appello quello che è forse il romanzo più noto di Italo Calvino: il Barone Rampante.

Un romanzo picaresco, una favola, che ancora una volta ci permette di viaggiare con la fantasia ma anche di riflettere. Infatti, se da un lato il barone rampante vive una vita singolare e straordinaria, dall’altro è vittima dei suoi ideali e della sua determinazione.

Attraverso questo romanzo, Calvino sembra suggerire l’importanza di essere aperti a nuovi punti di vista, senza mai assumere posizioni assolute, pregiudizi o compiere scelte irrevocabili.

Continua a leggere “Italo Calvino – Il barone rampante”