Ostuni: la città bianca

9 maggio 2009

Sotto un cielo azzurro e terso, una nuvola di pietra, silente, solcata dal vento.

Ostuni 1

Eppure il candore di Ostuni si trascina il peso di secoli travagliati: popolata fin dalla notte dei tempi, dai messapi, antico popolo italico, fu per secoli terra di conquista, come tutto il Salento e la Murgia, del resto.
Vicoli, scale e salite si stringono intorno la splendida cattetrale gotica, del Quattrocento. La finezza degli intagli del grande rosone, suggerisce antichi fasti.
Dal XIV secolo fu in mano aragonese, fino a conoscere un periodo di crisi che culminò con la peste.
Fu allora che il manto bianco che riveste la città fin dal Medioevo, si rivelò una salvezza: la calce bianca, infatti, fu un ottimo strumento per arginare l’epidemia.

Leggi il seguito di questo post »


Vallo di Nera

1 marzo 2009

vallo-di-nera-3

Difficile da esprimere, Vallo Nera ha il fascino del silenzio, delle montagne e degli alberi. Dei gesti antichi e tutto ciò che sopravvive allo scorrere del tempo, immutato nell’alternarsi delle stagioni.

vallo-di-nera-1

E’ straordinario aggirarsi tra i vicoli, le scale e gli stretti passaggi che convergono verso la chiesa e la piazza centrale. Regna la tranquillità, le vie sono deserte e non ci sono nè auto nè negozi. Si sente l’odore della legna nei camini accesi. Se si incontra qualcuno, ci si saluta e tanto basta per sentirsi a casa.

Leggi il seguito di questo post »


Spello

8 febbraio 2009

Due campanili e un terzo che svetta, con la sua cuspide piramidale scura e appuntita. Ecco Spello.

Il suo inconfondibile profilo, caratterizza uno dei centri più belli dell’Umbria, preannunciando le meraviglie artistiche che custodisce, tra le sue mura antichissime.

spello-5 

Municipio romano, pare che il suo nome abbia origine da Ispeo Pelisio, uno dei compagni di viaggio di Enea. Ma è chiaramente una leggenda, volta ad impreziosire e a nobilitare il passato quasi mitico di una cittadina umbra, la splendida colonia imperiale Iulia Hispellum.

spello-3

Successivamente bizantina, poi longobarda, Spello divenne parte del Ducato di Spoleto, quindi annesso allo Stato Pontificio. Recuperò la sua autonomia nel XII secolo, in cui rifiorì il comune, fintanto che non fu travolto dagli scontri tra Federico II e lo stato della Chiesa nel XIII secolo.

Ma è nel Rinascimento che si arricchisce il patrimonio artistico del borgo, quando Spello entra nella signoria dei Baglioni di Perugia, tra cui la famosa Cappella Baglioni, affrescata da Pinturicchio o, nel XVII secolo, palazzo Cruciani, contraddistinto dall’imponente ballatoio in legno.

Leggi il seguito di questo post »