Francesco Recami – Il ragazzo che leggeva Maigret

Recami F., Il ragazzo che leggeva Maigret, Sellerio, 2009

ragazzo_che_leggeva_maigretToni soffusi e delicati, linee sfumate che non emergono anche nelle scene di maggior azione, attutiti dalla neve e dall’atmosfera invernale.

Queste le prime impressioni che lascia il romanzo di Recami, un racconto dai toni pastello che ha per protagonista Giulio o Maigret, come tutti lo chiamano. Il ragazzo infatti è appassionato di gialli, soprattutto del commissario Maigret di Simenon.

Per puro caso o forse per l’abitudine di soffermarsi su piccoli dettagli, si ritrova al centro di un intricata e oscura rete di “strani” episodi e comportamenti, piccole cose che non passano inosservate nella tranquillità di un paese di provincia. Dove non tutto è come sembra.

Nel racconto si coglie un particolare intrigante: le riflessioni del ragazzo sembrano svelare l’intelaiatura del romanzo, lasciando trasparire i dubbi dello stesso autore nel costruire una storia, che esca dai classici stilemi del giallo. Un romanzo dunque che diventa a tratti meta-romanzo rapportando la realtà (immaginaria) del racconto alla finzione (vera) della narrativa.

In definitiva, una lettura disimpegnata, ma anche un raffinato omaggio a Simenon. E se forse manca di spessore nel delineare i tratti dei personaggi, che compaiono più come bizzarre macchiette, nel complesso regala qualche ora di svago attraverso uno stile narrativo fluido ed estremamente piacevole.

Advertisements

3 risposte a Francesco Recami – Il ragazzo che leggeva Maigret

  1. fiOrdivanilla ha detto:

    questo libro mi ispira moltissimo. Sai dirmi per favore.. a chi si avvicina come scrittura? Io ho molto ben presente Camilleri ad esempio, o Carofiglio.. oppure i vecchi Tabucchi e Sciascia, ma che sono purtroppo inimitabili. Per cui, che stile di scrittura adotta? Magari se leggo qualche pagina e mi ispira.. credo proprio lo prenderò.

    • Michelangelo ha detto:

      Lo stile è lineare e pacato, tra gli autori che menzioni trovo una discreta affinità con Camilleri, anche se meno sottile e arguto.
      Ti consiglio di leggere le prime pagine, le ho trovate decisamente accattivanti.

  2. fiOrdivanilla ha detto:

    Grazie mille, credo farò un salto appena posso in libreria e mi ricorderò di cercarlo e leggerne qualche pagina molto volentieri.
    Grazie ancora..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: