Jacques Le Goff – Il meraviglioso e il quotidiano nell’Occidente Medioevale

meraviglioso e quotidianoQuali le paure, l’immaginario e le abitudini dell’uomo medioevale? Quale la sua eredità e confronto con un passato glorioso ed un destino ignoto? A partire da un’attenta analisi del concetto di “meraviglioso”, il libro propone una raccolta di saggi tratti da conferenze, libri o altri scritti del famoso storico francese  Jacques Le goff.

Forse il testo manca di organicità o di un filo conduttore che guidi una sequenzialità e connessione logica tra i brani. Ne resta piuttosto una mera collezione di saggi brevi – molto interessanti – che offrono spunti di riflessione su alcuni aspetti peculiari del medioevo, tipicamente tralasciati dalla storia con la “S” maiuscola, quella dei regni, le battaglie e i grandi eventi.

Le Goff esplora il medioevo, studiando il rapporto tra l’uomo, la società e il mondo soffermandosi su dettagli importanti, impliciti nelle relazioni umane e determinanti per la più profonda comprensione di un’epoca.

Il primo capitolo affronta in maniera metodica il concetto di “meraviglioso” nel mondo medioevale: dall’eredità del mito, ai bestiari. Si scopre così una progressiva e continua rilettura di simboli e tradizioni pagane in chiave cristiana, da cui derivano singolari testi e tradizioni, talvolta eretiche.

Seguono alcune pagine esplorano il rapporto tra l’uomo e la foresta, incolta e inesporata, fonte di mistero e, per secoli luogo di rifugio degli eremiti. La foresta come luogo magico, in contrapposizione alla città ed immaginario erede del deserto, già luogo mistico nella tradizione biblica.

Un altro brano interessante offre un accurato esame dei gesti, come elemento comunicativo complementare alla parola scritta e parlata e fortemente indicativi delle attitudini e dei rapporti sociali.

Questi e altri brani riabilitano il ruolo dell’etnologia come valido strumento di indagine e conoscenza per lo storico. Un nuovo punto di vista cha aiuta a comprendere meglio il Medioevo e la sua gente, nei loro molteplici aspetti e contraddizioni.

Un epoca ancora oggi di grande fascino, molto più attuale di quanto si immagini.

3 risposte a Jacques Le Goff – Il meraviglioso e il quotidiano nell’Occidente Medioevale

  1. gunther scrive:

    che gran bel libro ne parli in modo cosi affascinante che mi ha riempito di curiosità, esame dei gesti mi interessa molto in un momento dove l’sitruzione er rara

  2. Concordo pienamente, Michelangelo. A scuola ce lo hanno fatto studiare come il periodo buio, certo rispetto al rinascimento è tutta un’altra storia ma non per questo va liquidato semplicemente come l’epoca delle superstizioni e della repressione, mi sembra davvero banale. Le Goff poi è un uno dei più grandi medialisti di tutti i tempi e riesce a farti appassionare come pochi. Questo saggio non l’avevo letto e mi ripropongo di procurarmelo, chè davvero interessante !!! Have a nice day

  3. Zrg scrive:

    Penso proprio che seguirò il vostro esempio…
    Cercherò di procurarmene una copia il più presto possibile…
    Graz!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: