Bonifacio: roccaforte del vento

Vi sono città predestinate, il cui destino è scritto già nel luogo che occupano.

Così Bonifacio, in Corsica, era già roccaforte e bastione, prima che vi si insiediassero i primi abitanti molti millenni orsono, prima che i greci, i romani e poi i pirati saraceni vi trovassero approdo e rifugio. Prima ancora che fosse terra di conquista dei pisani, dei genovesi, dei turchi, dei francesi…

Da sempre conteso come avamposto strategico nel Mediterraneo, questo borgo a picco sul mare cela un piccolo porto chiuso in un fiordo profondo. E fu proprio la dominazione genovese che iniziò, seppur con fasi alterne, nel IX secolo d.C., a lasciar la traccia più indelebile: un dialetto locale del tutto simile al ligure.

Dal borgo antico la vista sulle falesie è spettacolare. Un sentiero percorre la costa alta su un mare cristallino, la stratificazione calcarea delle rocce è resa ancor più tagliente dal vento, che ha scavato splendide calette ed insenature visitabili solo via mare.

Ma è nel borgo vecchio dove si respira lo scorrere lento del tempo che ha segnato secoli di storia, perdendosi per vicoli e stradine dai nostalgici colori di una storia dalla quale non ci si può sottrarre.

Advertisements

8 risposte a Bonifacio: roccaforte del vento

  1. frontespizio ha detto:

    Ho avuto modo di visitarla di primo mattino, incontrando un gruppo di uomini a toso nudo dellalegione straniera. Cittadina fuori dal comune e devo dire tutta la corsica del lato francese.
    sono restato affascinato e colpito.
    Michele

  2. Serena ha detto:

    Certo che sai immortalare i paesaggi in un modo incredibile! *___* è un luogo fantastico e davvero suggestivo!

  3. Anna righeblu ha detto:

    Immagini fantastiche!
    Passerò di nuovo quando avrò una connessione meno ballerina.
    Ti auguro un buon Ferragosto!
    A presto

  4. lealidellafarfalla ha detto:

    bellissimo, le foto mi hanno ricordato Pitigliano, interamente costruita sul tufo

  5. Michelangelo ha detto:

    @Michele: come tutti i luoghi in qualche modo “di frontiera” ha un fascino particolare e selvaggio, anzi, selvatico.

    @Serena: ma grazie! quando visito un luogo cerco di carpirne l’anima, piuttosto che l’apparenza. Questo porta ad apprezzare a volte anche posti apparentemente insignificanti ma di grande fascino.

    @Anna: ti ringrazio e ricambio – in ritardissimo – gli auguri di buon ferragosto! Ho visto che l’hai passato in un posto meraviglioso e suggestivo come Bagno Vignoni

    @Fabrizio: strani percorsi compie la mente. In effetti la somiglianza con Pitigliano c’è – mare a parte – eppure, pur conoscendo bene il borgo toscano, non mi è saltata all’occhio questa giusta somiglianza. Chissà perchè…

  6. PaeseCina ha detto:

    Ma che bello questo blog! L’ho scoperto oggi e non lo abbandono più!

  7. sojourness ha detto:

    Madonna, che bellissima! Devo andare al sud d’Italia. (I miei progenitori erano di Roma, Napoli e Sicilia originalmente.)

    Grazie per il complimento nel mio blog! 🙂

  8. kitty's Kitchen ha detto:

    Ma cosa vedo! 🙂
    Le tue foto sono sempre insuperabili comunque. Grazie per avermi segnalato il post avevo vogliio di respirare ancora un pò di vento di bonifacio!
    Buonagiornata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: