Erice

“Dalla vita sciolse la cintura, ricamata e variopinta,
dov’erano racchiusi tutti gli incanti; vi erano amore, desiderio,
dolci parole e la seduzione che rapisce la mente…”
Omero (Iliade – canto XIV)

La cintura di Venere cadde sulla terra, cingendo un colle, monte San Giuliano, che domina il tratto di costa sud-occidentale della Sicilia: così nasce Erice e la sua storia antica si perde nel mito:

“Venere, dall’alto della sua vetta, l’Erice, lo vide che ancora vagava, e stretto a sé il suo alato figliolo disse: Armi mie e mani mie, figlio, strumento della mia potenza, prendi quelle frecce con cui vinci tutti, o Cupido, e scagliane una veloce nel petto del dio a cui è toccato in sorte l’ultimo dei tre regni …”
Ovidio, Metamorfosi, libro V – 360- 368 )

 

Secondo la leggenda Enea seppellì qui suo padre Anchise, quando, dopo la disfatta, alcuni troiani si insediarono in Sicilia. Successivamente fu terra dei Fenici, Siracusani, Romani, Arabi, Normanni, Spagnoli…

Un avvicendarsi di popoli e culture che ha contribuito alla ricchezza artistica del luogo e della sua affascinante storia, di cui la Chiesa Madre è un esempio straordinario:
 

 
Infine, una curiosità da wikipedia: nasce ufficialmente ad Erice la gastronomia molecolare, in seguito alla prima edizione dell’“Atelier Internazionale di Gastronomia Molecolare”, che ne sancisce l’ufficialità come disciplina. 
 
 
 

 

Annunci

11 pensieri riguardo “Erice

  1. @Anna: Erice è una delle località più remote della Sicilia, ma forse anche per questo tra le più suggestive

    @Bianca: Eh sì, Erice significa anche dolci veramente straordinari. E prossimamente spiegherò il perchè…

    @Michele: Sapevo che questo connubio tra la bellezza del luogo e le suggestioni che ha trasmesso agli antichi poeti ti avrebbe appassionato!

  2. L’altra sera una persona a me molto cara mi ha parlato con amore della Sicilia. Sto leggendo un libro sui miti greci. E ora trovo questo post che unisce i due argomenti. Non potevo non lasciare traccia del mio passaggio.

  3. Ho visitato diversi posti della Sicilia: Agrigento, Catania, Palermo, Taormina, Siculliana, Giardini, Messina…ma non conosco Erice.

    Le immagini e la descrizione fornite catturano letteralmente. Grazie!

    Colmerò prima o poi questa lacuna anche perché ho dei cari amici siciliani:)

  4. Sono stato ad Erice alcuni anni fa, ed è veramente stata una sorpresa: una delle cose straordinarie della Sicilia è la varietà/stratificazione di luoghi, dovuta come giustamente ci ricorda Michelangelo al succedersi di culture e insediamenti. E queste sorprese sono più frequenti all’interno che sulla costa.
    Non sapevo nulla di gastronomia molecolare, e approfondirò (M.grazie per l’accenno!).
    @leali: ma cosa aspetti????

  5. @Fabrizio: visitare la Sicilia è sicuramente una delle cose da fare nella vita!

    @annarita: in effetti Erice è un po’ lontana dai soliti itinerari siciliani, così sperduta nella punta sud-ovest, ma merita una deviazione!

    @mario: la stessa impressione l’ho avuta la prima volta che sono stato a Palermo e, a proposito, ti invito a leggere il post dedicato…

Rispondi a Michelangelo Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...