Tommaso di Carpegna Falconieri – L’uomo che si credeva Re di Francia

uomorefrancia.jpg

Nel 1354Giannino di Guccio, ricco mercante di Siena, viene convocato in Campidoglio a Roma da Cola di Rienzo. Deve rivelargli un importante segreto:

La madre, per salvaguardare una difficile situazione familiare, riparò in un convento francese dove fu balia del neonato re di Francia, morto prematuramente. Ma non fu il re di Francia a morire: fu proprio suo figlio Giannino. Tuttavia nessuno rivelò lo scambio ed il vero piccolo re di Francia, scivolò nella vita di Giannino, giungendo così dinnanzi Cola di Rienzo ad ascoltare la sua storia. Tanto bastò per animare Giannino a partire, determinato a riprendersi il “suo” regno.

Tra verità e menzogna, questa storia medioevale ha il sapore ruvido di una novella di Boccaccio ed i tratti picareschi del medioevo di Umberto Eco, nel suo romanzo Baudolino. A partire da un codice della Biblioteca Apostolica Vaticana, Tommaso di Carpegna Falconieri svolge un indagine accurata, atta a ricostruire la storia di Giannino.

Ne scaturisce il ritratto malinconico di un uomo che si confronta con i suoi sogni e le sue vane ambizioni. Un uomo straordinariamente medioevale, che affascina per la sua intraprendenza ed ingenuità.

Annunci

3 Responses to Tommaso di Carpegna Falconieri – L’uomo che si credeva Re di Francia

  1. michele ha detto:

    Un libro interessante che abbiamo tenuto in libreria. Una storia medievale interessante.
    Michele

  2. luisa ha detto:

    Il medioevo è un periodo storico che mi appassiona. C’è chi lo considera come un periodo buio, invece se non ci fosse stato il medioevo, il rinascimento non sarebbe esistito. Puntuale la tua scelta del volume.

  3. Michelangelo ha detto:

    Se fosse stato di un autore americano, magari meno attento all’analisi storico-filologica e con un pizzico di spregiudicata fantasia in più, il libro sarebbe stato un best-seller. Meglio così.
    Preferiamo l’opera attenta e puntuale di un appassionato studioso che ha rivitalizzato una storia farsesca dal sapore antico.

    Mi fa piacere ritrovarvi appassionati di un periodo storico che tanto mi incanta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: